Un libro magico per un regalo speciale!

Regalare un libro è come consegnare ad un bimbo un biglietto d'aereo. Gli si permette di fare un viaggio speciale senza muoversi da casa. E se quel viaggio fosse un'avventura alla scoperta del proprio nome?

 

E' quello che abbiamo fatto con Tommaso e Matilde, scegliendo La magia del mio Nome“.

Si tratta di un libricino realizzato per bambini fino a circa 8 anni, che può diventare un regalo super speciale per figli di amici e nipotini.

Infatti, seguendo un percorso fatto dalle lettere del nome del bimbo, è possibile creare una storia affascinante e avventurosa, che inizia con il desiderio di svelare il mistero e la storia legata al proprio nome.

 

 

Si tratta di un ricordo bellissimo che i bimbi avranno a disposizione per tutta la vita, e che contiene un'ulteriore sorpesa in grado di lasciarli a bocca aperta. Sapete che potete aggiungere una dedica speciale? Noi abbiamo detto a Tommaso e Matilde quanto li amiamo, e quanto sono speciali per noi, e i loro occhi erano spalancati per la sorpresa e la felicità.

 

Come realizzare il libro? Potete visitare il link www.lamagiadelmionome.it e in pochi semplici passi riceverlo a casa vostra. Sceglierete un protagonista simile a lui o lei, inseritete il nome e la dedicata.

Potete poi scegliere se avere una copertina rigida o morbida e se avere una spedizione normale o veloce.

 

 

I miei piccoli si sono letteralmente innamorati di questi libriccini, e la cosa più bella è stata vedere Tommaso leggere il suo ripetendo ad ogni pagina...Guarda mamma, sono proprio io!

 

Regalate libri ai vostri figli: e avranno sempre la testa piena di parole e il cuore pieno di avventure!

 

Daniela, founder e Ceo del sito "C'era una mamma", marchigiana, copy freelance ed esperta di comunicazione, mamma di Tommaso e Matilde.

Ti potrebbe interessare

Libri

8 libri davvero fantastici per i nostri bambini

Cosa deve avere un libro per piacere ad un bimbo che sta imparando o ha appena imparato a leggere?

Tommy (quasi sette anni, prima elementare) dice:

 

-Parole grandi e facili da seguire.

-Tanti disegni (così quando mi stanco guardo quelli).

-Un copertina curiosa.

-Una bella storia che mi fa venire voglia di raccontarla a qualcuno.

(E io aggiungo carta molto resistente!)

 

Dalla biblioteca dei miei figli ecco 8 libri divertenti e con bellissime illustrazioni capaci di avvicinare i piccoli alla lettura.

 

La città dei lupi blu' – Marco Viale. In una città dove tutti i lupi sono blù, l'arrivo di un lupo rosso (anzi, talmente rosso da essere RROSSO) mette all'inizio a dura prova tutti gli abitanti. Ma poi si scopre che la diversità è un valore davvero importante!

 

Il pancione della mamma – Jo Witek Christine Roussey. Un libro tenerissimo da scoprire un po' alla volta per vedere un fratellino o una sorellina che stanno crescendo nel pancione.

 

365 esperimenti per piccoli scienziati – Un'esperienza al giorno, alcune da fare con noi genitori altre da scoprire da soli un po' alla volta.

 

Che cos'è un bambino? - Beatrice Alemagna. Grandi e piccole verità sui nostri piccoli: e ricordiamo che i bambini hanno mani piccole e idee grandi!

 

Biancaneve e i sette nani – Una bellissima rivisitazione di Biancaneve accompagnata da tanti deliziosi disegni.

 

 

Il bacio più grande – Joanna Walsh e Judi Abbott. Ci sono baci portati dal vento che durano solo un momento...ma quale sarà il bacio più grande che un bimbo può ricevere? Sì, avete indovinato...è propri quello della sua mamma!

 

Come nascondere un leone – Helen Stephens. Accidente che paura: un leone si aggira per la città! L'unica a non essere spaventata è la piccola Iris...ma riuscirà a nascondere il suo leone senza farsi scoprire?

 

 

365 pinguini – Jean Luc Fromental e Joelle Jolivet. Che succederebbe se a casa vostra arrivasse un giorno un pinguino con un biglietto che dice “Sono il numero 1 a darmi del cibo pensi qualcuno”?

 

 

E buona lettura!

Libri

Leggevo alla mia pancia

Leggevo alla pancia, quando ha iniziato a crescere. Era la mia prima pancia, che spuntava su un corpo stupito e felice. Era una pancia in fiore, la navicella che ospitava un piccolo astronauta solitario e coraggioso. Ed era lungo il viaggio che lo separava dall’essere sogno al diventare figlio vero, in carne, ossa e amore. Così quando ero sola in casa mi sedevo sul divano un po’ scomodo che avevamo allora, e mi mettevo una mano sulla pancia. Avevo ritrovato un vecchio libro di favole, letto molte volte da bambina. Ora era emozione nuova e infinita cullare con quei suoni noti un figlio ancora sconosciuto, che veniva a trovarmi nei sogni agitati, e mi sorrideva con i suoi occhi color oro e la testina ricciuta. E leggevo lentamente, nella casa silenziosa, e gli spiegavo le parole complesse e i concetti che un bambino avrebbe faticato comprendere. Quella pancia cresceva tra le mie mani e sentivo i gesti vigorosi di un nuotatore che è pronto a lanciarsi, del corridore che non vede l’ora di fendere l’aria. Ma quando leggevo, lo immaginavo sempre con un orecchio appoggiato alla mia mano, gli occhi chiusi ad ascoltare quella musica che veniva da un universo lontano (ma vicino) chiamato mamma. Era il suono delle sue stelle, nella notte senza luna di una pancia ancora chiusa. E poi c’è stata la luce e un pianto. E abbiamo continuato a scoprire le parole e a leggere insieme, negli anni. Lo facciamo anche adesso che la mia pancia è piccola e lui è grande, come lo abbiamo fatto quando lui era piccolo e la mia pancia era il suo mondo.

Libri

Libri: cosa è cambiato da quando sono mamma

Rileggere i libri che ho amato è una delle mie più grandi passioni. Riscoprire, mentre gli anni passano, questi vecchi amici, e magari comprenderli in maniera diversa rispetto a quando li ho letti per la prima volta, è un piacere che non riesco proprio a negarmi. Diventare mamma però ha cambiato così tanto il mio modo di vedere le cose, che anche il mio modo di leggere è completamente mutato. E così non ho più aperto i libri dell’orrore che prima adoravo, e ogni volta che nella trama di uno dei miei libri preferiti incappo nella figura di un bambino che soffre, il  cuore mi si stringe. Solo adesso ho potuto capire la tragedia di Anna Karenina. Le pagine del compleanno di Serioga, della madre che di sorpresa lo va a svegliare, dopo che al piccolo era stato detto che era morta, mi faranno piangere per sempre. Solo adesso ho compreso la forza della frase di Thackeray nella Fiera della Vanità, quando dice che mamma sulle labbra dei bambini è il nome di Dio. E i poveri figli di Rossella O’Hara? Non voluti e poco amati, fino alla tragedia finale di Diletta. In ognuno di loro mio malgrado immagino le emozioni dei mie piccoli, e mi tremano le gambe anche se si tratti di bambini mai esistiti. Le loro piccole vite, che spesso fanno da sfondo neglette e trascurate a quelle dei protagonisti, hanno adesso una forza e uno spessore nuovo per me. Grazie ai miei figli ho scoperto nuovi chiavi di lettura di tanti libri: e chissà quante ancora potrò averne quando inizierò a condividerli con loro!.

Libri

Caterina e il Dio del Vento

Qualche giorno fa ho scoperto questo libro, che racconta la storia speciale di una bambina molto speciale, scritta dalla sua coraggiosa mamma, Anna Maria de Micco...ecco il mio articolo su Maternità http://www.maternita.it/caterina-e-il-dio-del-vento-ovvero-cose-la-sindrome-di-ondine.html.