Shopping con i bimbi: è più facile con Vodafone Pay!

Andare a fare spese con mia figlia significa entrare in un mondo fantasioso, fatto di colori accecanti, di pois e di lustrini. Se Matilde avesse libertà di scelta, andrebbe all'asilo in abito da sera. Non ci sono mai abbastanza pizzo, abbastanza decorazioni, in quello che si mette: e il bello ( o forse proprio per questo) è che è figlia di una madre che ha metà guardaroba nero.

E però è divertente “osare” insieme a lei, lasciarla libera di giocare e scegliere a piacimento saltellando da un vestitino all'altro.

Sento a volte delle mamme (che hanno tutta la mia solidarietà) lamentarsi di quanto sia faticoso uscire con i bambini. 
Io sono fortunata, con loro mi sono sempre divertita. E poi diciamocelo: il bello di fare spese con i bimbi, è che quando scopri di aver bisogno di una taglia in più, non è una cosa imbarazzante ma un motivo di orgoglio. 
Il bello di fare shopping con i piccoli, adesso che ci sono i saldi e si riesce a risparmiare qualcosa, è che iniziamo a scoprire i loro gusti, che come dicevo, sono spesso lontanissimi dai nostri.

Certo i bimbi hanno anche un tempo di attenzione limitato e, puntualmente quando si arriva alla cassa, iniziano i capricci: per questo motivo Vodafone Pay può essere la soluzione ideale per pagare al volo, senza perdere tempo a cercare i soldi in borsa. È stata realizzata per gli smartphone con sistema Android con SIM NFC: dovete solo scaricare l'app Vodafone Wallet e poi potrete collegare una carta MasterCard. In questo modo in tutti i negozi con POS contactless potrete pagare semplicemente usando lo smartphone. E ci sono tanti interessanti pro: niente carte da portare con sé, massima sicurezza, spese sotto controllo perché arriva sempre la notifica di pagamento.

C'è da aggiungere che i pagamenti sotto i 25€ sono immediati, mentre per autorizzare importi superiori, è richiesto l’inserimento del proprio PIN.

E al momento di pagare non bisogna nemmeno aprire l'app: basta avvicinare il telefono al POS. Volete scoprire se il vostro smartphone può essere usato con Vodafone Pay?
 
Basta visitare questo link: http://l12.eu/mastercardvodafonepay-1227-au/SXGCZA64J74D0UG17JMS
 
Allora mamme, semplifichiamoci la vita e lasciamoci solo il divertimento di fare spese con i nostri bimbi!

Buzzoole

Post in collaborazione con Vodafone!

Daniela, founder e Ceo del sito "C'era una mamma", marchigiana, copy freelance ed esperta di comunicazione, mamma di Tommaso e Matilde.

Ti potrebbe interessare

Shopping

Un piccolo Tortino per noi, un grande regalo per il nostro gatto!

 

Prendersi cura dei nostri amici a 4 zampe significa garantire loro spazi adeguati, la giusta alimentazione e ovviamente tante, tante coccole!

Io, che sono cresciuta avendo sempre un gattino in casa - a partire dal primo che chiamammo Melissa per mesi prima di scoprire che si trattava di un maschietto - so quanto siano affettuosi. Al di là della loro aria schiva, questi amici pelosi, sono dolcissimi e so anche che, avere gatto non significa occuparsene solo quando si ha tempo, ma curarlo costantemente. 

Il mio ultimo cucciolo se n'è andato quando aspettavo Tommaso e, allora, abbiamo deciso di attendere prima di adottare un altro animale domestico. Adesso che lui e la sorella stanno crescendo,  c'è una guerra aperta tra chi preferisce un cagnolino e chi vorrebbe ancora un gattino (me).

Per consolarmi sono andata a fare due coccole ai mici che i miei nipotini crescono a casa della nonna, e ho portato loro un piccolo regalo. So che amano Gourmet Gold , e allora ho pensato che niente meglio dei Tortini avrebbe potuto farli felici.

I mici sono arrivati non appena ho aperto le pratiche confezioni e hanno mostrato di gradire davvero tantissimo: proprio da leccarsi i baffi (passatemi la battuta!!).

I bocconcini a forma di tortino sono in tante varietà da dare a nostri gatti. In base ai gusti di ognuno trovate ricette con e senza verdure, al manzo, al pollo, al salmone e al tonno.

 

Sono disponibili nel formato 4 x 85 gr e nel formato monoporzione 85 gr.

 Insomma una vera raffinatezza, gustosi e perfetti anche per sua maestà il gatto!

 

Post in collaborazione con Gourmet Gold!

 

Buzzoole

Shopping

Compri Vaporella? Ricevi indietro fino 70 euro!

 

State cercando qualcosa che v'invogli a stirare? Magari un bello sconto fa al caso vostro: infatti Polti rilancia l'operazione cash back. 

Dal 13 aprile al 18 giugno nella serie Silence Eco Friendly e Silence Friendly è previsto un rimborso fino ad un massimo di 70€.

 

Dopo l’acquisto, basta inviare a Polti la documentazione richiesta (fotocopia del documento d’acquisto rilasciato dal rivenditore comprovante modello e data di acquisto, l’originale del codice a barre da ritagliare dall’imballo) e il coupon compilato in tutte le sue parti, disponibile nei punti vendita aderenti o scaricabile dal sito aziendale.

 

Si tratta quindi di scegliere un prodotto che è davvero una garanzia nel campo del vapore, che mostra con l'uso tutta la qualità del suo essere orgogliosamente mad in Italy e al tempo stesso farlo risparmiando.

 

Con un solo passaggio gli abiti sono perfetti: bello risparmiare tempo da passare con i nostri bimbi!

 

 

Shopping

Bimbi e frutta: binomio perfetto!

Tutti i mercoledì, all'asilo di Matilde chiedono che invece della classica merenda venga data della frutta. Si tratta di un modo intelligente per ricordare a noi genitori sempre di corsa, che sbucciare una mela, un kiwi o dell'ananas, è un modo come un altro per dire ai nostri bimbi: ti voglio bene.

A volte però i piccoli sono un restii a mangiare la frutta: per questo ho deciso di presentare a mia figlia questa buona abitudine come se fosse un gioco, e le ho regalato la lunch box di Petit Fernand. 


Eì composta da 2 scomparti piccoli e da un ripiano rimovibile. All'interno c'è una tavoletta refrigerante che permette di mantenere la temperatura degli alimenti. La unch box è senza BPA e 100% riciclabile. Inoltre può essere personalizzarla, con il colore e l'illustrazione preferita, a cui va aggiunto il nome del bimbo.

 

In questo modo la frutta (o il pranzo,  qualsiasi altra merenda) possono essere portati a scuola in maniera salutare e giocosa.

 

Ma quanto è importante la frutta per i bimbi? L'ho chiesto alla nostra nutrizionista Elisa Brenci, ed ed ecco come ci ha risposto la dottoressa:

 

"In Italia abbiamo un primato sconcertante: l’obesità infantile. 4 bambini su 10, in età scolare sono obesi o sovrappeso, con possibili gravi conseguenze di salute nella loro vita adulta. Alla base di questo dato allarmante troviamo la sbagliata educazione alimentare che noi genitori diamo. Tra le cattive abitudini segnalo la colazione e la merenda a scuola. La mattina è infatti una tragedia per tutte noi mamme: sveglia, lava, vesti…è tutto un correre e in questo vortice spesso ci dimentichiamo l’importanza di una buona ed equilibrata colazione.

 

Ecco quindi che mandiamo i nostri bambini a scuola con un apporto nutrizionale ridotto non compensabile da una merenda di metà mattina confezionata, ipercalorica, ricca di grassi saturi, ma povera di vitamine e minerali. La buona merenda di metà mattina?

 

Sicuramente la frutta, rappresentando uno spuntino leggero, che non appesantisce l’organismo generando stati di sonnolenza, veloce e pratico, ricco di fibra, acqua, energia pronta all’uso, vitamine, minerali e fitonutrienti, ovvero sostanze che, grazie alle loro particolari proprietà (anti-tumorali, anti-ossidanti, anti-diabete…) aiutano il nostro organismo a stare bene; più ne vengono assunte da bambini, più sani saranno da adulti. Mi raccomando di rispettare la stagionalità.

 

La natura infatti è molto intelligente e ci fornisce, ad esempio, i mandarini d’inverno, ricchi di vitamina C, per proteggerci dal freddo, fragole e meloni, ricchi di acqua, per sconfiggere il caldo dell’estate!"

 

 

 Questo post è in collaborazione con Petit-Fernand!

Shopping

Bimbi: l'importanza di bere acqua

 

 

Bere acqua è fondamentale in ogni momento della vita: tanto più quando si è un bambino in crescita! Non è sempre facile però, fare in modo che i nostri bimbi abbiano a disposizione l'acqua che serve loro. Le classiche bottigliette potrebbero aprirsi negli zaini e nelle borse, facendo un disastro, e ci sono alcune scuole in cui è vietato portarle. Lo stesso problema si ripresenta all'ora di ginnastica: per questo motivo ho scelto per Tommaso la borraccia termica di Petit Fernand.

Ma prima di spiegarvi quanto è utile e pratica, ho chiesto alla nostra nutrizionista Elisa Brenci quanto conta l'acqua nell'alimentazione dei bimbi: ed ecco cosa mi ha risposto.

 

L'importanza dell'acqua secondo la nutrizionista Elisa Brenci

 

Spesso, senza rendercene conto, trasmettiamo ai nostri figli cattive abitudini alimentari, tra le più diffuse bere poca acqua. Una corretta idratazione è importantissima per l’adulto, indispensabile per il bambino. Cerchiamo quindi di stimolarlo a bere durante la giornata, anche quando non lo richiede essendo lo stimolo della sete nel bambino meno sviluppato delll’adulto. Grazie alle sue caratteristiche, incolore e insapore, l’acqua è il miglior “mezzo” per insegnare al bambino a bere per sete e non per gola. Dovrebbe essere infatti L’UNICA bevanda proposta, consiglio quindi di evitare bibite dolci o succhi di frutta, i quali, per il loro alto apporto calorico, possono predisporre il piccolo all’obesità, oppure il latte che può essere utilizzato per sfamarsi, ma non certo dissetarsi. Ricordate inoltre che l’acqua si ritrova in molti altri alimenti, soprattutto frutta e verdura. Se dovessi elencarvi tutti i benefici di questo alimento non basterebbe una giornata, ne ricordo solo alcuni. E’ il mezzo con cui l’organismo elimina le scorie metaboliche, funge da lubrificante nelle articolazioni e tessuti, previene stitichezza e costipazione. Aiuta inoltre a mantenere il peso ideale (è stata dimostrata una correlazione tra mancata idratazione ed obesità, probabilmente legata anche alla sostituzione dell’acqua con bevande zuccherate) ed è fondamentale per la termoregolazione, soprattutto nei bambini che tendono a sudare molto più degli adulti. Inoltre garantisce una miglior attenzione a scuola e migliori prestazioni ginniche. Ma quanto dovrebbero bere i vostri bambini? Ovviamente dipende dal periodo dell’anno (inverno o estate) e da quando il bimbo si muove, ma in genere almeno 5 bicchieri al giorno tra i 4 e 8 anni (1200-1400ml), 7-8 tra i 9 e 14 anni (1800-2000ml), 8-11 tra i 15 e 18 anni (2000-2500ml). 

 

Borraccia termica Petit Fernand: tutta da personalizzare!

 

Per aiutare Tommaso a bere acqua ( e farlo in maniera divertente) ho scelto la borraccia termica di Petit Fernand. Sono andata sul loro sito, ho fatto scegliere a Tommy le decorazioni e i colori e l'ho ordinata.

Nel giro di pochissimi giorni ci è arrivata a casa ed era perfetta!

Il tocco di classe è la speciale chiusura che impedisce all'acqua di uscire una volta chiusa: ed esse resta fresca per molte ore.

 

La borraccia termica (che poi può essere usata anche per tè o succhi di frutta, ma a noi piace di più l'acqua :)) è perfetta per essere portata in palestra, a scuola, in gita. O magari messa nella borsa della mamma: finalmente son finiti i tempi dei tappi semi-aperti e delle borse allagate!

 

 

(post in collaborazione con Petit Fernand!)