Palline fai da te con i palloncini!

 

 

Manca ormai pochissimo tempo per organizzarci negli addobbi dell’ Albero di Natale, ma oggi vi spiegherò come si possono realizzare delle palline artigianali semplicissime, veloci e di qualsiasi colore vogliate, e che possiamo divertirci a farlo insieme ai nostri bambini!!

 

 

Palline fai da te con i palloncini - MATERIALI

 

-Palloncini per gavettoni

-Acqua

-Colla vinilica

-Filo di lana acrilica

-1 piattino di plastica

-Brillantini

-Carta  forno

-Sacchetto di plastica

-1 bicchiere di plastica

-Nastrino

-Colla a caldo

-1 spillino

Palline fai da te con i palloncini - Realizzazione

 

Prendiamo i palloncini e iniziamo a gonfiarli di diverse grandezze,questo dipende da quanto volete che siano grandi

 

 

volete ch.

 

Con il sacchetto di plastica ricopriamo il nostro piano  da lavoro; prendiamo il piattino dove faremo un composto del 60% di colla vinilica e il 40% di acqua, dove immergeremo il filo scelto per creare le nostre palline.

Iniziamo dal cappio del palloncino, dove effettueremo un nodino con il filo, da lì partiremo arrotolando in modo casuale il filo attorno al palloncino, quando crediamo che può bastare, facciamo un altro nodino nel cappio del palloncino, lasciamo circa 10 centimetri di filo e riformiamo un’ altro nodino, in questo modo otterremmo  il cappio per appendere la pallina all' albero senza l’aiuto di gancetti.

Prendiamo la carta forno e la mettiamo sopra in nostro piano da lavoro, prendiamo la pallina  e iniziamo a cospargerla di brillantini ( la carta  forno serve semplicemente per recuperare i brillantini in eccesso).

Prendiamo dei bicchieri di plastica dove metteremo ad asciugare le nostre palline per circa 6 ore, girandole ogni tanto perché si potrebbero attaccare ai bicchieri.

 

Una volta trascorso questo tempo, con l’ aiuto di uno spillino, procediamo bucando  il palloncino nel suo interno e facendo molta attenzione  tirandolo via.

Con del nastro possiamo creare due piccoli fiocchetti che, con la colla a caldo, attaccheremo nel cappio in modo da non far vedere le piccole imperfezioni dei nodini e far risultare la pallina più curata nei particolari. 

 
 
Alessia, marchigiana, bis mamma, creativa con un recente passato da orafa: fai da te, punto croce, uncinetto e tombolo per me non hanno segreti!

Ti potrebbe interessare

#SpecialeNatale

La tavola di Natale

Ci siamo… mancano solo quattro giorni al Natale!

 

Vi immagino tutte affaccendate e impegnare a limare il menù, la lista degli ospiti, i regali.

Anche apparecchiare la tavola per il pranzo di Natale è un impegno da non sottovalutare perché in essa si riverberano le attese e gli stati d’animo.

Ognuno poi ha la propria tradizione, come ad esempio la tovaglia o il servizio di piatti della nonna da spolverare per rinnovare antichi riti e tradizioni che ben si sposano con la solennità dell’evento.

Poi ci sono quelli che vogliono dare un tocco moderno alla tradizione e chi invece ama rinnovare tout court e sorprendere i propri ospiti.

 

Pranzo di Natale: tavola formale o casual?

 

Per una tavola formale è necessaria una bella tovaglia bianca di fiandra o, per gli amanti dei colori un giallo oro o un rosa antico mentre una tavola più casual proporrà una tovaglia colorata o decorata con i simboli di Natale.

Piatti rigorosamente a tinta unita su tovaglie decorate mentre la tovaglia bianca offre maggiori possibilità di accostamenti con fantasie e forme diverse.

I bicchieri, almeno due (per l’acqua e il vino) per una tavola semi formale, diventano tre per quella più impegnativa. Il tovagliolo di tessuto può essere decorato con un nastro di raso e con una pallina colorata trasformandosi anche in segnaposto. Se le avete è l’occasione per tirare fuori dal cassetto il servizio di posate d’argento.

Non fate mancare la luce... candele, fili di luce che rallegrano così come una composizione che può essere fatta sia con fiori sia con oggetti natalizi da disporre sulla tavola che completerà la vostra tavola per completare la vostra mise en place.

Auguri!

 

 

 

#SpecialeNatale

Vademecum regali per bambini

Se volete regalare un capo di abbigliamento ma è un po’ che non vedete il bimbo, chiamate i genitori e chiedete senza esitare: anche loro ve ne saranno grati!

 

4.Cibo: sarà adatto?

 

Un invitante sacchetto di cioccolatini è sempre un regalo gradito: ma attenzione all’età del bimbo che deve riceverlo! Sotto l’anno di età la cioccolata non si mangia: e non inducetelo in tentazione.

 

5. Regalo impegnativo? Chiedete il permesso!

 

Avete deciso di regalare una batteria fantastica ai figli degli amici? Pensate a dove abitano: se stanno in un condominio magari non è il caso! Comunque chiedete ai genitori e se vi danno l’ok via libera a tutto!

 

6.Se ci sono più bambini, le dimensioni contano!

 

I bambini non sanno il prezzo di niente, ma le dimensioni le vedono eccome! Se in famiglia ci sono più bimbi, evitate di portare scatoloni di mezzo metro per uno e pacchettino per l’altro, anche se in fin dei conti avete pagato una cifra simile per entrambi. Il confronto sarà impietoso.

 

7. Il Natale è colore: bando ai regali tristi!

 

Parlo ai nonni e agli zii: lo so che volete rendervi utili, ma il pacco da tre canotte, anche se di lana purissima, sarà sempre un regalo tristissimo per un bambino. Siate un po’ bambini anche voi, e mettetevi nei loro panni!

 

8.Non regalate cuccioli: MAI

 

La follia più grande che può fare qualcuno a Natale è presentarsi dai bambini con un cucciolo. Innanzitutto gli animali andrebbero adottati più che comprati e in più rischiate di mettere in seria, seria, davvero seria difficoltà una famiglia.

 

 

Ci sono altri suggerimenti? Raccontatemeli voi!

#SpecialeNatale

Natale: scambiamoci gli auguri!

 

Natale: tempo di incontri con gli amici, tempo di auguri e di regali. Ma Natale è anche il tempo della calma, quando le giornate non più incasellate nelle ore lavorative, ci lasciano momenti preziosi per riscoprire gli affetti più cari.

 

Come accogliere nella maniera migliore i nostri ospiti per uno scambio di auguri?

 

Non serve preparare una tavola importante e una cena seduti. Un pomeriggio o un dopocena ben si adattano a questa occasione e ricevere diventa meno stressante e tutti si divertono di più.

Un “party” ben fatto ha necessità di un po’ di organizzazione e inventiva, di una proposta originale, ottima musica e buona compagnia.

 

Evento pomeridiano o di sera?

 

Per un appuntamento tra amici prima di tutto è necessario decidere se vogliamo organizzare un evento pomeridiano o un dopocena.

Nel primo caso le bevande calde potranno essere tè o cioccolata calda e conseguentemente il buffet andrà organizzato con dolci e prelibatezze varie con un accenno di salato per accontentare gusti diversi.

Se invece si pensa al dopocena punch al mandarino, tisane varie e qualche bollicina sono perfette alternative. Torrone, panettone e pandoro e qualche dolce tradizionale di famiglia accompagnati da salse a piacere chiudono il cerchio.

 

Decorazioni: libertà alla fantasia!

 

Sarà necessario predisporre un tavolo a buffet ben decorato e apparecchiato con piattini, tazze e bicchieri, alzatine per accogliere il cibo. Il tutto condito di abbondante fantasia natalizia: candele, lucine, pupazzi…

E’ un evento facile da organizzare durante le vacanze. Il bello è che diverse cose possono essere acquistate, i dolci possono essere preparati in anticipo.

 

In fondo la riuscita di una festa non ha a che vedere con il cibo ma con le persone!

#SpecialeNatale

Calendario dell'Avvento!

 

La mia attività di organizzazione eventi mi porta spesso a stare “con le mani in pasta” non solo con uova e farina ma con stampini, timbri, carte colorate ecc. ecc.

 

E’ ovvio che mia figlia di otto anni impazzisca di fronte a tutta questa scelta di colori e materiali diversi e che il suo istinto creativo sia iper sollecitato e sia portata all’emulazione.

Così taglia, incolla, colora crea, pasticcia e quando ho tempo cerco di incanalare questa sua energia creativa in un progetto che le dia anche la soddisfazione di poter dire “questo l’ho fatto io!”

 

Credo che ogni donna e ogni mamma abbia, innato, lo spirito e le capacità di essere organizzatrici. Ogni momento della nostra vita più o meno importante è un evento al quale dedichiamo il nostro tempo per far sì che riesca nel migliore dei modi.

Natale è uno di quelli più importanti nella vita di ciascuna di noi e assume un sapore e un significato tutto particolare quando abbiamo dei figli con cui condividere questo periodo.

 

Io mi diverto da morire a inventare il calendario dell’avvento con mia figlia. Abbiamo fatto tante piccole calze di Natale dove ogni mattina trovava un oggettino, una caramella o un cioccolatino che le piacciono tanto. 

Se volete prepararlo ora è il momento giusto. Da domani inizierà il conto alla rovescia e i vostri Bambini saranno curiosi, la mattina, di scoprire cosa i folletti di Babbo Natale hanno lasciato durante la notte.

 

Bastano dei sacchettini di carta, un nastrino o un piccolo pannello da appendere, colori e nastrini vari, glitter, cartoncini colorati, fustelline varie e le immancabili colla a caldo e quella stick e la vostra fantasia…

 

Per le calze di babbo natale: pannolenci, bottoncini e decorazioni varie, nastrini decorativi, forbici dentellate. La colla a caldo va bene ma se siete più brave la macchina da cucire fa miracoli in perfezione!

Sarà un capolavoro!