Leggevo alla mia pancia

Leggevo alla pancia, quando ha iniziato a crescere. Era la mia prima pancia, che spuntava su un corpo stupito e felice. Era una pancia in fiore, la navicella che ospitava un piccolo astronauta solitario e coraggioso. Ed era lungo il viaggio che lo separava dall’essere sogno al diventare figlio vero, in carne, ossa e amore. Così quando ero sola in casa mi sedevo sul divano un po’ scomodo che avevamo allora, e mi mettevo una mano sulla pancia. Avevo ritrovato un vecchio libro di favole, letto molte volte da bambina. Ora era emozione nuova e infinita cullare con quei suoni noti un figlio ancora sconosciuto, che veniva a trovarmi nei sogni agitati, e mi sorrideva con i suoi occhi color oro e la testina ricciuta. E leggevo lentamente, nella casa silenziosa, e gli spiegavo le parole complesse e i concetti che un bambino avrebbe faticato comprendere. Quella pancia cresceva tra le mie mani e sentivo i gesti vigorosi di un nuotatore che è pronto a lanciarsi, del corridore che non vede l’ora di fendere l’aria. Ma quando leggevo, lo immaginavo sempre con un orecchio appoggiato alla mia mano, gli occhi chiusi ad ascoltare quella musica che veniva da un universo lontano (ma vicino) chiamato mamma. Era il suono delle sue stelle, nella notte senza luna di una pancia ancora chiusa. E poi c’è stata la luce e un pianto. E abbiamo continuato a scoprire le parole e a leggere insieme, negli anni. Lo facciamo anche adesso che la mia pancia è piccola e lui è grande, come lo abbiamo fatto quando lui era piccolo e la mia pancia era il suo mondo.

Daniela, founder e Ceo del sito "C'era una mamma", marchigiana, copy freelance ed esperta di comunicazione, mamma di Tommaso e Matilde.
Daniela
10/03/2016 07:14
Grazie! Cantare è un grande dono...mi sarebbe piaciuto cantare ai miei piccoli!! La voce di una mamma è la musica più bella...
Ketty
09/03/2016 21:07
Dolcissimo!
Io invece amavo soprattutto cantare alla mia pancia. Sarà per questo che mia figlia continua a chiedermi canzoncine prima della nanna?

Ti potrebbe interessare

Libri

Creallenamente: accendiamo la mente dei bimbi con l'arte!

Leggo ai miei figli da prima che nascessero. La mia voce (e quella del papà) cullava i loro sogni al buio, mentre piano piano crescevano e si facevano forti.

Tommaso e Matilde hanno passato i primi anni della loro vita facendo costruzioni con i tanti libri della mia biblioteca personale, hanno amato i colori e le storie dei volumi per bambini, hanno iniziato a scoprire lettere e forme attraverso di essi.

È un dono che i miei genitori hanno fatto a me, l'amore per la lettura, e che ho deciso di trasmettere ai piccoli di casa.

 

Sfogliare un libro mentre il sole li sfiora e il vento li accarezza, seduti in giardino. Osservarne i colori, innamorarsi di una storia. E vedere la loro capacità di linguaggio che cresce, assaporare il loro lessico ricco, il modo che hanno di raccontare storie o semplicemente di descrivere quello che vivono ogni giorno.

Perchè è questo, che fanno i libri: aiutano a crescere. Allenano la mente come un muscolo, impedendole di richiudersi su se stessa.

Ora abbiamo scoperto un progetto meraviglioso, che si chiama proprio “Creallenamente”,  ed ha come obbiettivo (testuali parole) “Riportare i nostri figli ad apprendere giocando, non solo per promuovere la sua crescita culturale ma per stimolare creatività, fantasia e capacità logiche attraverso il fare concreto.”

C'è una collana, “Arte per crescere”, costituita da 10 libri, tutti dedicati a pittori amatissimi, come Giotto e Van Gogh, tutti a misura di bambino, in grado di accendere la fantasia anche dei più pigri e curata da Marco Dallari, uno dei professori di Pedagogia più importanti d'Italia.

Perchè purtroppo sempre più studi evidenziano come l'uso dei dispositivi tecnologici con i bambini si è trasformato sempre più da uso ad abuso, creando problemi di mancanza di concentrazione, difficoltà di apprendimento e persino aggressività. In Italia ogni anno cala la soglia di età in cui ai bambini viene dato lo smartphone. E oltre alla salute, ne risente anche la socialità.

 

Ritornando al libro, Tommaso, che sa leggere, ha iniziato a guidare me e la sorella attraverso le pagine di questo volume incantevole, facendo domande, chiedendo, fermandosi ammirato ad osservare le riproduzioni dei quadri più belli di Van Gogh.

 

Il tutto raccontato in un linguaggio semplice adatto anche ai più piccoli: e ha permesso non solo a loro di viaggiare in un mondo sconosciuto, ma anche a me di riscoprire idee e concetti che avevo perso un po' di vista.

 

Gli ideatori di Creallenamente hanno alla base del loro progetto l'idea che, senza demonizzare tablet e cellulari, i bambini in fase di crescita hanno bisogno di altro. Hanno bisogno di allenare la mente. Hanno bisogno di strumenti per esercitare il pensiero: e cosa c'è di meglio dell'arte?

 

 

Buona lettura!!

 

(Post in collaborazione con Creallenamente!)

Libri

Libri da non perdere: collana 2000 L'Espresso

Alcuni tra i ricordi più belli che ho di mio padre, sono legati alle ore trascorse sulle sue ginocchia a sfogliare libri. Il mio amore per il libri, la lettura (e in seguito la scrittura), sono cresciuti così, una pagina dopo l'altra, una parola alla volta. Adesso che sono mamma, e che vedo lo stesso amore riflesso negi occhi dei mie piccoli so che è un regalo meraviglioso fatto a me e che sto facendo a mia volta.

 

Ora ho deciso di aggiungere alla mia biblioteca alcuni tra i libri più belli del 2000: si tratta di una collana realizzata da l'Espresso, e ci sono autori come Mordecai Richler, Emmanuel Carrère, Niccolò Ammaniti, Roberto Saviano e David Grossman, solo per citarne alcuni.Sono libri intensi e bellissimi, che hanno segnato la mia ( e la notra vita) ma soprattutto la storia della letteratura e che adesso possiamo riunire tutti in un'unica collana. Sulla pagina del sito potete controllare tutte le uscite (che costano 9.90) e riordinare quelle che vi siete perse.

E io, che alcuni di questi libri li ho amati così tanto da consumarne le pagine, non vedo l'ora di ritrovarmeli tutti nuovissimi e di nuovo da scoprire.

 

Ci sono capolavori come Il petalo Cremisi e il bianco, struggente e durissima storia della prostituta Sugar e del suo riscatto da una vita di orrore, c'è il Gomorra di Saviano, che cambiato il modo di raccontare la delinquenza di Napoli, c'è La versione di Barney di Mordecai Richler, divertentissima, tenera e allucinata storia d'amore e amicizia che mi ha letteralmente inchiodato alla seria, e che ho riletto un'infità di volte.

 

Ora possiamo averli tutti insieme nella collana 2000 di La Repubblica e L'Espresso. Io corro a prenderli, e voi?

 

https://youtu.be/1HsIZwEyStU

 

Buzzoole

Libri

8 libri davvero fantastici per i nostri bambini

Cosa deve avere un libro per piacere ad un bimbo che sta imparando o ha appena imparato a leggere?

Tommy (quasi sette anni, prima elementare) dice:

 

-Parole grandi e facili da seguire.

-Tanti disegni (così quando mi stanco guardo quelli).

-Un copertina curiosa.

-Una bella storia che mi fa venire voglia di raccontarla a qualcuno.

(E io aggiungo carta molto resistente!)

 

Dalla biblioteca dei miei figli ecco 8 libri divertenti e con bellissime illustrazioni capaci di avvicinare i piccoli alla lettura.

 

La città dei lupi blu' – Marco Viale. In una città dove tutti i lupi sono blù, l'arrivo di un lupo rosso (anzi, talmente rosso da essere RROSSO) mette all'inizio a dura prova tutti gli abitanti. Ma poi si scopre che la diversità è un valore davvero importante!

 

Il pancione della mamma – Jo Witek Christine Roussey. Un libro tenerissimo da scoprire un po' alla volta per vedere un fratellino o una sorellina che stanno crescendo nel pancione.

 

365 esperimenti per piccoli scienziati – Un'esperienza al giorno, alcune da fare con noi genitori altre da scoprire da soli un po' alla volta.

 

Che cos'è un bambino? - Beatrice Alemagna. Grandi e piccole verità sui nostri piccoli: e ricordiamo che i bambini hanno mani piccole e idee grandi!

 

Biancaneve e i sette nani – Una bellissima rivisitazione di Biancaneve accompagnata da tanti deliziosi disegni.

 

 

Il bacio più grande – Joanna Walsh e Judi Abbott. Ci sono baci portati dal vento che durano solo un momento...ma quale sarà il bacio più grande che un bimbo può ricevere? Sì, avete indovinato...è propri quello della sua mamma!

 

Come nascondere un leone – Helen Stephens. Accidente che paura: un leone si aggira per la città! L'unica a non essere spaventata è la piccola Iris...ma riuscirà a nascondere il suo leone senza farsi scoprire?

 

 

365 pinguini – Jean Luc Fromental e Joelle Jolivet. Che succederebbe se a casa vostra arrivasse un giorno un pinguino con un biglietto che dice “Sono il numero 1 a darmi del cibo pensi qualcuno”?

 

 

E buona lettura!

Libri

Un libro magico per un regalo speciale!

Regalare un libro è come consegnare ad un bimbo un biglietto d'aereo. Gli si permette di fare un viaggio speciale senza muoversi da casa. E se quel viaggio fosse un'avventura alla scoperta del proprio nome?

 

E' quello che abbiamo fatto con Tommaso e Matilde, scegliendo La magia del mio Nome“.

Si tratta di un libricino realizzato per bambini fino a circa 8 anni, che può diventare un regalo super speciale per figli di amici e nipotini.

Infatti, seguendo un percorso fatto dalle lettere del nome del bimbo, è possibile creare una storia affascinante e avventurosa, che inizia con il desiderio di svelare il mistero e la storia legata al proprio nome.

 

 

Si tratta di un ricordo bellissimo che i bimbi avranno a disposizione per tutta la vita, e che contiene un'ulteriore sorpesa in grado di lasciarli a bocca aperta. Sapete che potete aggiungere una dedica speciale? Noi abbiamo detto a Tommaso e Matilde quanto li amiamo, e quanto sono speciali per noi, e i loro occhi erano spalancati per la sorpresa e la felicità.

 

Come realizzare il libro? Potete visitare il link www.lamagiadelmionome.it e in pochi semplici passi riceverlo a casa vostra. Sceglierete un protagonista simile a lui o lei, inseritete il nome e la dedicata.

Potete poi scegliere se avere una copertina rigida o morbida e se avere una spedizione normale o veloce.

 

 

I miei piccoli si sono letteralmente innamorati di questi libriccini, e la cosa più bella è stata vedere Tommaso leggere il suo ripetendo ad ogni pagina...Guarda mamma, sono proprio io!

 

Regalate libri ai vostri figli: e avranno sempre la testa piena di parole e il cuore pieno di avventure!