Il bambino podalico

 

Alla fine della gravidanza il bambino si dovrebbe collocare nella posizione più giusta al parto vaginale, e cioè, con la testa verso il basso e le natiche e i piedini verso l’alto.

Nel 3-4% dei casi però non è cosi e ci troviamo di fronte a un feto podalico, cioè con le natiche e/o i piedini verso il basso e la testa verso l’alto.

Solitamente il bambino ha ancora modo di girarsi spontaneamente fino alla 32-34° settimana di gestazione, successivamente a quest’epoca è più difficile.

 

Fattori di rischio della posizione podalica

 

La presentazione podalica può verificarsi con diversi fattori di rischio, che sono:

-          Parto pre termine

-          Abbondante o scarso liquido amniotico

-          Gravidanza gemellare

-          Placenta previa

-          Giri di cordone ombelicale o brevità di funicolo

-          Età materna avanzata

-          Abitudine materna al fumo

-          Bambino con basso peso alla nasscita

-          Malformazione uterine o fetali

Quando ci troviamo di fronte a un feto podalico, la via di nascita suggerita è quella del taglio cesareo, come viene consigliata nelle Linee Guida del Ministero della Salute, esso in una gravidanza fisiologica non deve avvenire prima delle 39 settimane di gestazione; questo perché attraverso il taglio cesareo si ha una minore insorgenza di complicazioni neonatali e un minor rischio di mortalità neonatale.

 

Far girare spontaneamente il bambino

 

Esistono però delle metodiche per cercare di far girare spontaneamente il bambino prima di ricorrere a un taglio cesareo, e sono:

-          Manovra di rivolgimento manuale: deve essere eseguita da un operatore ESPERTO, essa avviene attraverso delle manipolazione dell’addome sotto guida ecografica, viene effettuata dalla 37° settimana di gestazione in poi in determinate condizioni sia materne che fetali e NON è una procedura esente da rischi per mamma e bambino.

 

-          Maxibustione (MOXA) / Agopuntura / Agopressione: è una pratica della medicina tradizionale cinese, la sua tecnica consiste, attraverso l’uso di un sigaro di artemia, nel stimolare quei meridiani collegati all’utero cosi da indurre il bambino a girarsi, c’è da dire però che non esistono molte evidenze sulla riuscita di tale procedura.

 

-          Tecniche posturali: sono degli esercizi per far assumere al bacino della mamma una posizione sollevata al fine di creare più spazio al bambino affinchè riesca a girarsi; ad esempio abbiamo la posizione a 4 zampe dove le spalle si trovano più basse rispetto al bacino o la posizione supina con dei cuscini sotto le natiche; anche per questa metodica non ci sono varie evidenza a supportarla.

 

 

Insomma future mamme le tecniche per far cambiare posizione al vostro bimbo al fine di sperare in un parto naturale sono molte, ma quello che è molto importante è la vostra sicurezza e quella di vostro figlio, perciò se lui sta seduto comodo-comodo e non resta altro che ricorrere al taglio cesareo, non preoccupatevi questo non cambierà affatto il vostro essere Donne e soprattutto Madri. 

Laureata in ostetricia, ha un master universitario di primo livello: risponde a tutti i vostri dubbi su gravidanza, allattamento e cura del bambino.

Ti potrebbe interessare

Cose da mamme Gravidanza

La flussimetria: cos'è e a cosa serve

 

In gravidanza si sente spesso parlare della flussimetria e tante di voi sicuramente l’avranno anche fatta, ma vediamo insieme che cos’è, quando va fatta e a che cosa serve.

 

La flussimetria è una tecnica diagnostica basata sugli ultrasuoni che viene fatta verso il termine della gravidanza e permette di misurare la quantità e la velocità del sangue che circola in un determinato vaso sanguigno, questo perché attraverso la valutazione della circolazione materna e della circolazione fetale possiamo determinare la funzionalità placentare e quindi il benessere del bambino.

 

La modalità di esecuzione della flussimetria è analoga all’ecografia, essa sfrutta l’effetto doppler e cioè a seconda delle caratteristiche del vaso stesso e di come fluisce il sangue, il segnale torna indietro con proprietà diverse, la cui analisi permette di capire se il vaso sta funzionando bene o se ci sono dei problemi.

 

Vengono eseguite due tipi di flussimetrie:

 

  • Flussimetria materna: viene effettuata sulle arterie uterine e permette di individuare, selezionare e controllare le gravidanze in cui c’è il rischio di andare incontro a ipertensione gravidica, preeclamsia, diabete, ritardo di crescita endouterina e sofferenza fetale.

  • Flussiemtria fetale: viene effettuata sulle arterie ombelicali e sull’arteria celebrale media, è la tecnica diagnostica più importante per la valutazione dello stato di salute intrauterino del feto. Lo scopo principale è quello di individuare il più precocemente possibile l’eventuale insorgere di un’ipossia cronica e scongiurarne le conseguenze.

Questo tipo di esame può essere ripetuto più volte durante la gravidanza, ma non è indicato di routine per tutte le donne incinte.

 

 

Cose da mamme Gravidanza

Monitoraggio: come funziona?

 

La cardiotocografia (CTG), meglio conosciuta come monitoraggio, è un esame che serve a valutare il benessere materno- fetale a durante la gravidanza, travaglio e parto.

L’inizio del monitoraggio cardiotocografico in gravidanza è variabile nei diversi punti nascita, diciamo che orientativamente, nelle gravidanze fisiologiche, viene fatto per la prima volta intorno alla 39° settimana di gestazione; in caso di gravidanze patologiche può essere iniziato anche diverse settimane prima.

L’apparecchio cardiotocografico è costituito da due sonde: una sonda ad ultrasuoni registra la frequenza cardiaca (cardiografia) e contemporaneamente con un’altra sonda rileva la pressione dell’addome materno misurando le contrazioni (tocografia).

 

Monitoraggio: esame semplice e non invasivo

 

Quello del monitoraggio cardiotocografico è un esame non invasivo e molto semplice, la sua durata varia dai 20 minuti ad un ora, durante i quali futura mamma è seduta su una poltrona o distesa su un lettino.

Durante tutta la durata del monitoraggio attraverso un amplificatore interno dell’apparecchio la mamma può ascoltare il cuoricino del suo bambino.

 

5 i parametri valutati durante il monitoraggio

 

Durante il tracciato sono 5 i parametri che vengono valutati dal ginecologo e dall’ostetrica:

  1. La linea di base: la frequenza cardiaca deve oscillare tra 120 e 160 battiti al minuto;

  2. La variabilità: normalmente è intorno ai 10/15 battiti al minuto. Quando il bambino dorme la variabilità si riduce e in questo caso l’esame viene prolungato per valutare correttamente la frequenza delle pulsazioni;

  3. Le accelerazioni: devono essere presenti, superare i 5 battiti al minuto rispetto alla linea di base e durare più di 15 secondi;

  4. Le decelerazioni: non devo essere presenti perché possono identificare uno stato di ipossigenazione fetale;

  5. I movimenti fetali: devono essere sempre presenti in un tracciato normale.

 

 

Monitoraggio: il sistema più importante per valutare lo stato di salute del bambino

 

Durante lo stadio del travaglio il CTG è molto importante, in quanto permette di controllare come il bambino resiste allo stress indotto dalle contrazioni uterine, verificando sul nascere eventuali complicazioni di ipossia, che potrebbero richiedere poi l’intervento di un taglio cesareo.

Tutt’oggi il monitoraggio cardiotocografico rappresenta un’importante sistema di misurazione che permette al ginecologo e all’ostetrica che effettuano l’esame, di trarre informazioni molto importanti riguardo lo stato di salute del bambino.

 

 

Cose da mamme

Sono mamma (ma anche donna)

Questo articolo nasce da una riflessione fattami da una mamma qualche tempo fa, cioè di come lei notasse che spesso l’umore della sua bambina rispecchiava quello che era il suo di umore; quello che le ho detto in risposta è che il suo accorgimento fosse estremamente vero: i piccoli sentono assolutamente tutto quello che la propria mamma gli trasmette.

 

Viene da chiedersi però come degli esserini cosi piccoli riescano in questa cosa: questo perché anche se non parlano e non hanno il sistema intellettivo già sviluppato, hanno in realtà il sistema sensitivo ed emozionale che invece funziona a mille giri.

 

Delle volte una mamma è indotta a sentirsi in colpa quando vede che il suo umore (quando negativo) si riflette sul suo bambino, e io credo sia molto importante capirne le cause.

Una neo mamma si sente obbligata a sentirsi sempre all’altezza della situazione, cerca di fare mille cose, occuparsi del piccolo, fare la spesa, le faccende domestiche, magari ha anche un figlio più grande che richiede le sue attenzioni, per non parlare comunque di come il fisico di una donna che ha partorito abbia bisogno dei suoi tempi per recuperare.

 

Quello che mi sento di consigliare in questi momenti è cercare di organizzare e vivere le giornate al meglio possibile: farsi aiutare nelle faccende domestiche, delegare le commissioni, in modo da non affaticarsi fisicamente e dedicare cosi le proprie energie a se stessa e al piccolo; se si affrontano giornate difficili emotivamente e psicologicamente è giusto parlarne, non tenere tutto per sè, condividere i pensieri, le emozioni e le tristezze con qualcuno (che sia il marito, la mamma, una sorella o un amica).

 

A mio avviso è importante che una mamma, continui a prendersi del tempo per se stessa, non dimenticarsi che è anche una donna, perciò non perdere le sue abitudini e continuare a coltivare le passioni e quello che le piace fare nel tempo libero.

Bisogna sempre ricordare che volere bene a se stessi è il primo modo per volere bene agli altri, sempre!

 

 

 

Cose da mamme Bebè

Come capire se il bambino prende abbastanza latte

 

Spesso durante il mio lavoro mi capita di osservare come una delle preoccupazioni maggiori delle neo mamme sia quella di assicurarsi che il loro bambino mangi a sufficienza.

La prima cosa che cerco di far capire alle mamme è quella di come è fatto il loro bambino in questi primi giorni di vita e quali sono le sue esigenze.

Un bimbo appena nato, è un cucciolo di uomo, cioè è fatto come noi grandi ma in formato “mignon”, quindi la prima cosa da tenere in mente è che il suo stomaco è piccolissimo e dotato di una limitata capacità (vedi la figura allegata), perciò è normale notare come lui si attacchi poco e spesso, soprattutto nei primi giorni.

 

 

 

Esistono però dei parametri che aiutano la mamma a capire se il suo bambino sta ricevendo abbastanza nutrimento:

 

1. Il bambino bagna tra i 5-6 pannolini al giorno

2. Ha tra le 2 e le 5 scariche di “pupù” nelle 24 ore;

3. Si attacca ogni 2-3 ore al seno, per una durata della poppata che va dai 10 ai 20 minuti o più;

4. Ascolta il rumore della deglutizione quando il bambino è attaccato;

5. Fino ai 4 mesi di vita la crescita settimanale dovrebbe essere tra i 140 e i 220 gr a settimana.

 

 

Se si verifica la presenza di tutti questi segnali, vuol dire che il piccolo riceve sufficiente nutrimento; è doveroso ricordare però che ogni caso è a se, perciò per qualsiasi dubbio è sempre un ottima cosa confrontarsi e farsi consigliare eventualmente da un ostetrica o dal pediatra di fiducia.