Differenza tra pasta madre e lievito di birra

Da quando ho iniziato a cucinare ho sempre visto preparare lievitati dolci e salati con il lievito di birra.

Ho vaghi ricordi di un certo "criscito" cha altro non è che il riutilizzo di una parte della pasta lievitata come agente lievitante per un nuovo impasto. Ma di pasta madre o lievito naturale ero all'oscuro fino ad un paio di anni fa.

Vedendo perè i lievitati preparati con questo lievito sono rimasta davvero sbalordita, perchè anche visivamente erano davvero accattivanti, e ho deciso così di autoprodurre in casa il mio lievito naturale.

 

Una volta diventata pasta madrina, chi lo autoproduce viene definito così, iniziai un lungo percorso fatto di lievitati più che soddisfacenti e alveolati. Sapete cosa sono gli alveoli? Sono quei buchini che i lievitati presentano al loro interno a fine cottura, se presenti sono indice di un'ottima lievitazione. Il sapore conferito dalla pasta madre ai lievitati non ha eguali, insomma che dire pasta madre tutta la vita.

 

Il problema nasce quando devi prendertene cura. La pasta madre infatti va rinfrescata ed ha bisogno di piccoli accorgimenti che spesso, chi come me è madre di famiglia ed ha difficoltà a ricavare per sè un po' di tempo, non riesce a fare, e così rimanda oggi ed anche domani, va a finire che la pasta madre perde forza e non fa il suo dovere come dovrebbe.

 

Questo succede perchè il lievito naturale è fatto da enzimi, i quali richiedono un po' di accorgimenti per restare in vita. C'è da dire che la mia pasta madre ad esempio ha superato con gran successo periodi di trascuratezza riprendendosi poi con grande forza, però personalmente non mi va affatto di demonizzare il lievito di birra.

 

Il problema del lievito di birra infatti è il suo abuso. Per favore diffidate da chi vi consiglia ricette che prevedono grosse quantità di lievito di birra, e per grosse quantità intendo anche dieci grammi su un chilo di farina se non peggio! Per preparare infatti un lievitato con un chilogrammo di farina basta anche un grammo di lievito di birra

 

Perchè si deve usare poco lievito di birra? Perchè in questo modo la lievitazione sarà più lenta e si avrà in consegueza la maturazione dell'impasto! Vi è mai capitato di mangiare la pizza e di sertirvi pienissimi e di aver tanta sete? Questo succede perchè si è abusato del lievito di birra e non si è attesa la maturazione dell'impasto.

 

Se l'impasto è maturo vuol dire che la maglia glutinica si sarà formata e se proverete a spianarlo con un mattarello l'impasto non tornerà indietro! E cosa assai fondamentale il lievitato sarà digeribilissimo e saporitissimo ed alveolatissimo proprio come un prodotto fatto con la pasta madre! Da pasta madrina e da utilizzatrice responsabile di lievito di birra vi dico quindi che non mi sento di santificare l'uno a scapito dell'altro!

 

Se saputi utilizzare, entrami i lieviti vi daranno prodotti sani, digeribili e saporiti! Spero di essere riuscita a fare un po' di chiarezza in merito e vi esorto a chiedermi ulteriori chiarimenti qualora ne aveste bisogno.

Mamma Ilaria, foodblogger salentina ma trapiantata in Toscana: appassionata di cucina e fotografia, la mia specialità le ricette semplici ed economiche.

Ti potrebbe interessare

Food Ricette

Mug Cake senza glutine e lattosio

La mug cake è una torta monoporzione che si preparara in meno di dieci minuti.

 

Di origine americana, questa torta in tazza è assolutamente una soluzione efficace quando al mattino ci si sveglia e si scopre di aver finito i biscotti per la prima colazione.

Inoltre, se siete in preda ad una improvvisa voglia di dolci è assolutamente perfetta!

Oscar Wilde diceva "l'unico modo per liberarsi da una tentazione è cedervi" quindi vi basterà prendere solo una tazza e mescolare al suo interno gli ingrendienti, una breve cottura al microonde e il vostro dolce sarà pronto.

Gli ingredienti neccessari per prepararla sono farina, uova, zucchero e lievito per dolci.

Oggi vi consiglio di prepararla senza glutine e senza lattosio, ma non temete, non mancherà certo di gusto!

 

La farina di cocco e il cacao rendono infatti la mug cake senza glutine e lattosio davvero irresistibile.

Se siete interessati poi a provare altre versioni c'è quella senza uova http://www.mammailaria.com/torta-in-tazza-senza-uova/ o quella al cioccolato http://www.mammailaria.com/torta-in-tazza-al-cioccolato/ .

Insomma provatele tutte e fatemi sapere qual'è per voi la più buona.

 

Ingredienti mug cake senza glutine e lattosio

 

dosi consigliate per una torta in tazza

 

40 gr di zuchero di canna

5 gr di farina di cocco

1 uovo (49 gr sgusciato)

1 pizzico di lievito per dolci senza glutine

35 gr di acqua

35 gr di fecola di patate

cacao amaroq.b. per guarnire

olio di semi q.b.

 

Tempo: preparazione 4' - cottura 5'

Difficoltà: bassa

 

Procedimento mug cake senza glutine e lattosio

 

Ungere con pochissimo olio una tazza (se non avete problemi di lattosio potrete anche utilizzare il burro).

Mescolare al suo interno le farine, sgusciare ed aggiungere anche l'uovo e dopo averlo incorporato unire l'acqua e lievito.

Amalgamare alla perfezione e cuocere in forno a microonde alla massima potenza per circa quattro/cinque minuti.

A cottura sfornare, spolverizzare con il cacao e servire.

 

N.B.

Dovrai cuocere una mug cake alla volta.

Inoltre verifica che per il tuo forno a microonde vadano bene i minuti di cottura controllando che il fondo della torta si ben cotto.

 

 

Food Ricette

Pane aromatico e nutella

Avete voglia di proporre una merenda altenativa che però non abbia bisogno di lunghe e noiose preparazioni?

Servite allora il mio pane e Nutella aromatico!

Questa merenda è velocissima da preparare e sarà subito amata da grandi e piccini.

La bontà induscutibile della Nutella si sposa alla perfezione con la sapidità della cannella.

Se a questo ci aggiungiamo poi la banana e il cocco allora questo snack sarà veramente invitante ed è anche un ottimo escamotage per proporre la frutta ai bambini.

Per rendere il tutto ancora più irresistibile ho pensato di usare come base del pane in cassetta, che con la sua sofficità ha reso davvero confortevole questa merenda golosa.

Il pane e nutella aromatico ha però un ultimo trucco che devo svelarvi.

Per renderlo davvero perfetto va cosparso con lo zucchero di canna e passato in forno per qualche minuto.

Allora, vi ho incuriosito abbastanza?

Scommetto che non vedete l'ora di gustare il mio pane e Nutella aromatico.

 

Ingredienti pane aromatico e nutella

 

pane in cassetta

Nutella

banane

cocco in scaglie disidratato

zucchero di canna

cannella in polvere

 

Preparazione: 10' circa

Difficoltà: bassa

 

Procedimento pane aromatico e nutella

Rivestire una teglia con la carta forno, porre al suo interno le fette di pane e cospargerle con lo zucchero di canna e un pizzico di cannella.

Passarle in forno caldo a modalità grill per qualche minuto e nel frattempo sbucciare ed affettare le banane.

Sfornare quindi il pane ed impiattarlo e adagiare su ogni fetta di pane le banane appena preparate.

Cospargerle con la nutella facendonla semplicemente colare da un cucchiaino ed infine aggiungere anche il cocco.

 

N.B. Il tutto è da farsi repentinamente perchè il pane e Nutella aromatico, se servito ancora caldo, è veramente delizioso.

 

 

Food Ricette

Girelle di pandoro

Se avete in casa ancora tanti pandori natalizi da smaltire ma siete stanche di mangiarli nel solito modo vi offro la possibilità di trasformarli in un delizioso ed elegante dessert.

Si tratta di una ricetta con appena due ingredienti e il tempo di preparazione di 5 minuti, eppure in grado di trasformarsi un chiudi pasto goloso, perfetto per grandi e piccini.

Oggi vi mostrerò la ricetta delle girelle di pandoro, semplicissime e veloci.

 

 

Le girelle di pandoro sono golosissime e per prepararle non sprecherete nemmeno una briciola del vostro pandoro.

Con le parti scartate infatti potrete preparare anche dei velocissimi bon bon http://www.mammailaria.com/bon-bon-pandoro/

Senza cottura e velocissimi da preparare, con questi dolci stupirete grandi e piccini e la vostra scorta di pandoro terminerà in un batter d'occhio.

 

Ingredienti Girelle di Pandoro

 

Ingredienti:

pandoro

nutella

zucchero a velo q.b. per guarnire

 

Tempo: preparazione 5'

Difficoltà: bassa

 

Procedimento Girelle di Pandoro

 

Affettare il pandoro ed eliminare la mollica avendo cura di non rompere la parta esterna.

Spalmare internamente con la nutella ogni fetta di pandoro e partendo dal lato più stretto arrotolare il pandoro su se stesso.

Dividere ora ogni rotolo in due parti ottenendo così due girelle per ogni fetta di pandoro.

 

 

Impiattare e cospargere le girelle di pandoro con un po' di zucchero a velo pima di servirle.

 

Food Nutrizione

Alimentazione anti-infiammazione

 

Spesso curiamo il dolore causato dall’infiammazione solo ed esclusivamente con farmaci senza sapere che infiammazione e alimentazione sono strettamente correlate tra loro. Ci sono infatti cibi che possono aumentarla ed altri che possono invece migliorare le condizioni generali dell’individuo. Prima di elencarli vorrei fare una precisazione: TUTTO FA BENE, TUTTO FA MALE. Mi spiego. Dal momento in cui vi dico che la carne, ad esempio, è un cibo pro-infiammazione non significa che questa, se non per ragioni etiche o sanitarie, debba essere eliminata, ma semplicemente limitata. Spesso infatti il problema non è cosa mangiamo, ma quanto.

 

Alimentazione: cosa limitare?

 

Allora apriamo il sipario ed ecco qui gli alimenti da LIMITARE:

- Alimenti fritti e preconfezionati (da mangiare raramente)

- Grassi idrogenati e trans presenti spesso nei prodotti da forno industriali

- Carne (bianca 2-3 volte a settimana, rossa 1-2)

- Latticini (1-2 volte a settimana)

- Zucchero bianco, bibite gassate ed alcool

-    - Additivi alimentari.

 

Alimentazione: cosa scegliere!

 

Che entrino ora sul palcoscenico i CIBI Sì:

- Frutta e verdura (da mangiarsi sempre, ad ogni pasto e come spuntino)

- Legumi (3-4 volte a settimana)

- Cereali integrali, che tra l’altro, donne, sono un ottimo alleato nel ridurre i fastidiosi cuscinetti adiposi

- Riso

- Olio extra vergine d’oliva

- Frutta secca, ottima come spuntino, in alcuni tipi di condimento per pasta (ad esempio pasta integrale al radicchio con pesto di noci) o per dare sapore ad insalate

- Spezie ed erbe aromatiche: zenzero (formidabile al mattino a digiuno acqua, limone e zenzero), curcuma (buonissimo cous-cous alle verdure con curcuma), cannella.

-  Thè verde 

-  Acqua

-Pesce azzurro

Mi auguro quindi che con questo mio articolo riusciate a pensare ad un’alimentazione molto più varia e sana.