Differenza tra pasta madre e lievito di birra

Da quando ho iniziato a cucinare ho sempre visto preparare lievitati dolci e salati con il lievito di birra.

Ho vaghi ricordi di un certo "criscito" cha altro non è che il riutilizzo di una parte della pasta lievitata come agente lievitante per un nuovo impasto. Ma di pasta madre o lievito naturale ero all'oscuro fino ad un paio di anni fa.

Vedendo perè i lievitati preparati con questo lievito sono rimasta davvero sbalordita, perchè anche visivamente erano davvero accattivanti, e ho deciso così di autoprodurre in casa il mio lievito naturale.

 

Una volta diventata pasta madrina, chi lo autoproduce viene definito così, iniziai un lungo percorso fatto di lievitati più che soddisfacenti e alveolati. Sapete cosa sono gli alveoli? Sono quei buchini che i lievitati presentano al loro interno a fine cottura, se presenti sono indice di un'ottima lievitazione. Il sapore conferito dalla pasta madre ai lievitati non ha eguali, insomma che dire pasta madre tutta la vita.

 

Il problema nasce quando devi prendertene cura. La pasta madre infatti va rinfrescata ed ha bisogno di piccoli accorgimenti che spesso, chi come me è madre di famiglia ed ha difficoltà a ricavare per sè un po' di tempo, non riesce a fare, e così rimanda oggi ed anche domani, va a finire che la pasta madre perde forza e non fa il suo dovere come dovrebbe.

 

Questo succede perchè il lievito naturale è fatto da enzimi, i quali richiedono un po' di accorgimenti per restare in vita. C'è da dire che la mia pasta madre ad esempio ha superato con gran successo periodi di trascuratezza riprendendosi poi con grande forza, però personalmente non mi va affatto di demonizzare il lievito di birra.

 

Il problema del lievito di birra infatti è il suo abuso. Per favore diffidate da chi vi consiglia ricette che prevedono grosse quantità di lievito di birra, e per grosse quantità intendo anche dieci grammi su un chilo di farina se non peggio! Per preparare infatti un lievitato con un chilogrammo di farina basta anche un grammo di lievito di birra

 

Perchè si deve usare poco lievito di birra? Perchè in questo modo la lievitazione sarà più lenta e si avrà in consegueza la maturazione dell'impasto! Vi è mai capitato di mangiare la pizza e di sertirvi pienissimi e di aver tanta sete? Questo succede perchè si è abusato del lievito di birra e non si è attesa la maturazione dell'impasto.

 

Se l'impasto è maturo vuol dire che la maglia glutinica si sarà formata e se proverete a spianarlo con un mattarello l'impasto non tornerà indietro! E cosa assai fondamentale il lievitato sarà digeribilissimo e saporitissimo ed alveolatissimo proprio come un prodotto fatto con la pasta madre! Da pasta madrina e da utilizzatrice responsabile di lievito di birra vi dico quindi che non mi sento di santificare l'uno a scapito dell'altro!

 

Se saputi utilizzare, entrami i lieviti vi daranno prodotti sani, digeribili e saporiti! Spero di essere riuscita a fare un po' di chiarezza in merito e vi esorto a chiedermi ulteriori chiarimenti qualora ne aveste bisogno.

Mamma Ilaria, foodblogger salentina ma trapiantata in Toscana: appassionata di cucina e fotografia, la mia specialità le ricette semplici ed economiche.

Ti potrebbe interessare

Food Nutrizione

CIBI AFRODISIACI: esistono davvero?

 

 

Manca poco a San Valentino e molte di voi staranno già pensando a come organizzare la serata, quali candele usare, i vestiti da indossare, tovaglia, piatti ma soprattutto la cena. Ed eccovi lì con la lista dei cibi afrodisiaci per eccellenza! Ma sarà vero oppure solo leggenda? Diciamo che gli alimenti spesso sono associati all’eros in quanto la loro forma o il loro modo di mangiarli evoca nella nostra mente immagini legate agli organi genitali o atti sessuali.

 

E’ quindi più il modo di mangiare che il cibo in sé per sé ad essere afrodisiaco, ma in tutte le leggende c’è sempre un fondo di verità. Infatti, seppur la gestualità rimanga la regina dell’eros, in questi alimenti sono presenti sostanze che possono in qualche modo aumentare la libido. Prendete carta e penna che partiamo dai cibi afrodisiaci per eccellenza: il cioccolato che stimola la produzione di serotonina con conseguente sensazione di benessere oltreché darci una carica energetica, il peperoncino grazie alla capsicina, potente vasodilatatore, inturgidisce i genitali maschili stimolando l’eiaculazione come lo zinco contenuto nelle ostriche. Ci sono poi alimenti meno comuni ma altrettanto libidinosi. Lo zenzero, la paprika, il curry e la cannella agiscono sul nostro organismo in modo simile al peperoncino.

 

Le mandorle, grazie alla vitamina E, stimolano la passione soprattutto femminile. Il tartufo favorisce la produzione di un ormone che, agendo a livello olfattivo, aumenta l’attrazione per l’altro sesso. Il sedano alleggerisce la tensione psichica rendendoci più disinibiti ed infine, strano ma vero, l’aglio con effetti simili al viagra. Visto però le sue ben note controindicazioni non so quanto possa essere effettivamente consigliabile.

 

Volete sapere però quale è il vero e più potente ingrediente? L’AMORE!!!!! Non mi resta che augurare a tutti voi un buon San Valentino.

Food Ricette

Tortini miele e nocciole

I tortini miele e nocciole sono dei dolcini monoporzione di una golosità unica.

Profumati e sofficisissimi sono perfetti sia a colazione che a merenda.

La particolarità delle tortine miele e nocciole sta nel loro impasto.

Vengono infatti preparate come i classici muffin, quindi basterà unire prima gli ingrendieti secchi, poi quelli liquidi ed unirli infine insieme ottenendo un impasto abbastanza sodo.

La cottura avviene ovviamente in stampi per muffin, ma a differenza di quest'ultimi, i tortini non contengono lattosio.

Più leggeri quindi rispetto ai classici muffin, contengono solo olio e acqua.

Questo li rende ovviamente più leggeri e soffici come una nuvola.

Per preparare i tortini miele e nocciole ho scelto inoltre di utilizzare dello zucchero di canna, perchè questo conferisce un particolare sapore e regala inoltre al dolce un bel colore ambrato.

 

Ingredienti tortini miele e nocciole

 

dosi consigliate per nove tortini miele e nocciole

 

1 uovo (53 gr scusciato)

120 gr di zucchero di canna

150 gr di farina 00

60 ml di olio di semi di girasole

60 gr di nocciole tostate già sgusciate

30 gr di miele

50 ml di acqua

10 gr di lievito per dolci

 

Tempo: preparazione 10' – cottura 20'

Difficoltà: bassa

 

Procedimento tortini miele e nocciole

 

Sgusciare l'uovo ed unirlo in una terrina insieme all'olio, all'acqua e al miele ed amalgamarli fra loro.

Tritare ora le nocciole grossolanamente e mescolarle in un'altra terrina insieme alla farina, allo zucchero e al lievito per dolci.

Versare ora gli ingrendieti liquidi nella terrina contenente i secchi ed amalgamarli fra loro con una frusta a mano o una spatola.

Riempire con l'impasto ottenuto i pirottini per metà o poco più della loro capienza.

Una volta terminato l'impasto infornare in forno caldo e cuocere a 180° per circa venti minuti.

A cottura ultimata togliere i tortini miele e nocciole dallo stampo per muffin e farli raffreddare su una gratella.

Una volta freddi potrete servirli.

 

Se conservati in appositi contenitori ermetici i tortini miele e nocciole restaranno soffici e fragranti per almeno due/tre giorni.

Food Ricette

Un Carnevale...Mani in pasta!

 

All’Epifania il canto della Pasquella “dà principio a Carnevale”…

Ed è tutto un friggere di frappe, chiacchiere, scroccafusi ecc… insomma basta che sia fritto!

E’ notorio che i bambini amano mettere le mani in pasta e questo periodo potrebbe essere l’occasione per organizzare un bel pomeriggio in compagnia, visto che fuori il tempo è proprio inclemente.

Invitate tre o quattro amici dei vostri figli e predisponete sul tavolo da cucina tutto il necessario per preparare un semplice dolce di carnevale con le materie prime già separate in piccoli contenitori in modo che ciascun partecipante possa impastare il suo dolce e una descrizione della ricetta spiegata in termini semplici.. A voi spetterà, oltre alla consulenza, la parte della cottura…

Noi abbiamo scelto la ricetta dei Churros o ChouChou, piccoli bocconcini di pasta fritta semplicissimi da preparare e buonissimi da mangiare…

 

Churros di carnevale ingredienti

 

 

150g di farina bianca

1 cucchiaino di polvere lievitante per dolci

1 cucchiaio di olio

1 pizzico di sale

Acqua bollente quanto basta

Olio di arachidi per friggere

Per decorare e servire

Zucchero semolato q.b. e due cucchiaini di cannella

A piacere salsa al cioccolato

 

 

Churros di carnevale preparazione

In una terrina lavorare gli ingredienti e aggiungere acqua calda quanto basta per ottenere un impasto morbido ma non liquido che dovrete mettere in una sacca da pasticcere con bocchetta scanalata grande.

Quando l’olio per friggere è caldo fare tutti bastoncini che farete cadere direttamente nell’olio. Appena dorati toglierli e farli asciugare su carta assorbente e passarli nello zucchero e cannella.

 

 

Servire così o preparare a piacere una salsa al cioccolato (fondere cioccolato fondente con poco cioccolato al latte e panna fresca)

Food Ricette

Sfogliatine di Carnevale: ricette in 5 minuti!

Le sfogliatine di carnevale sono dei dolcetti buonissimi che potrete preparare facilmente nella vostra cucina.

Basterà infatti avere in casa un rotolo di pasta sfoglia già pronto, dello zucchero e se proprio vorrete sbizzarrirvi degli zuccherini colorati.

Il carnevale è ormai alle porte e i bambini sono sempre più in fermento per la festa più colorata e divertente dell'anno.

Preparargli quindi una bella e buona merenda sarà sicuramente per loro una gradita sorpresa.

Non preoccupatevi se non disponete di tagliabiscotti a tema.

Basterà disegnare su della carta forno la sagoma di una maschera di carnavele, ritagliarla e poi con un coltello a punta incidere la pasta sfoglia.

Vedrete è più complicato a dirsi che a farsi!

Pronti allora a preparare le sfogliatine di carnevale più buone del web?

 

Ingredienti sfogliatine di Carnevale

 

1 rotolo di pasta sfoglia

zucchero semolato q.b.

zuccherini colorati q.b.

1 foglio di carta forno

 

Tempo: preparazione 20' circa - cottura 25' circa

Difficoltà: bassa

 

Procedimento sfogliatine di Carnevale

 

Disegnare e ritagliare su un foglio di carta forno le mascherine di carnevale.

Srotolare la pasta sfoglia e con l'ausilio di un coltello a punta tagliare la sfoglia lungo il perimetro della sagoma di carta.

Un volta ritagliate tutte le mascherine porle in una teglia foderata con altra carta forno e cospargerle con lo zucchero semolato e poi con gli zuccherini.

 

 

Cuocere in forno caldo a 200° per circa venticinque minuti o comuque fino a doratura.

 

A cottura ultimata sfornare e lasciare raffreddare le sfogliatine di carnevale prima di servirle.