Brindiamo al 2017!

Mancano poche ore e inizieranno i festeggiamenti per salutare l'arrivo del nuovo anno.

Rispetto al Natale, la notte di San Silvestro consente dei festeggiamenti più informali.
Chi ama festeggiare in casa può scegliere tra una cena seduti o un buffet in piedi che permette un' organizzazione più leggera  e soprattutto regala il piacere di poter trascorrere la notte dell'ultimo dell'anno senza stress.
 
Ovviamente è una serata in cui le bollicine e i cocktails non potranno mancare, senza eccessi ma sufficienti per rallegrare la serata.
E' importante prevedere una buona selezione di bevande che vi permetta di accogliere gli ospiti e accompagnare la serata che dovrà prevedere oltre a prosecco e champagne qualche cocktail alcolico e non da sorseggiare sia all'arrivo sia per brindare.
Io di solito preparo tre cocktails che condivido volentieri con voi...
sono tre differenti sapori, uno più alcolico - un punch dei Caraibi che mi ricorda la mia isola preferita - uno più leggero a base di vino bianco frizzante e uno analcolico.

Brindisi 2017: Il Planteur 

 
Il Planteur è un punch dei Caraibi buonissimo! La ricetta originale prevede il succo di goyave un frutto non facilmente reperibile e così lo sostituisco con il succo ai frutti tropicali
Ingredienti (per 12/15 persone) :- 1 litro di  rhum bianco di buona qualità
- 1 litro di succo d'arancia
- 1 litro di succo d'ananas
- 1 litro di succo ai frutti tropicali misti
- 3 lime
- 3 stecche di cannella
- sciroppo di zucchero di canna
La mattina in una boule da punch mettere il rhum, la scorza dei lime e il loro succo e le stecche di cannella e far macerare per qualche ora. Poi aggiungere i succhi e mescolare e far riposare ancora. Qualche ora prima di servire aggiungere lo sciroppo di zucchero di canna (ca. 25/30ml e comunque assaggiate e regolatevi secondo il vostro gusto)
Tenere al fresco fino al momento di servire...  
 

Brindisi 2017: New Year Punch

 
Ingredienti (per 1,5 litri)
- 500 ml di succo di melograna o a base di frutti rossi
- 500 ml di vino bianco frizzante
- 500 ml di sidro o, se non lo trovate va bene anche del succo di mela
- 150g di frutti di bosco rossi
- 3 stelle d'anice
- il succo spremuto di un lime
- cubetti di ghiaccio
- 5/6 fragole a piacere
 
mettere i frutti lavati e le fragole tagliate in quattro sul fondo di una caraffa insieme all'anice stellato poi aggiungere gli ingredienti liquidi (escluso il vino in modo da non far evaporare il frizzante). Prima di servire unire il vino freddo e i cubetti di ghiaccio e servire.
 

Brindisi 2017: aperitivo analcolico all'arancia

 
L'Aperitivo analcolico all'arancia si sposa bene con le tartine e bocconcini salati e sostituisce l'abusato crodino.
 
Preparare 500ml di spremuta di arancia e unitevi dello zenzero grattugiato a vostro gusto. se necessario potete dolcificare con lo sciroppo di zucchero di canna o con dello zucchero a velo. Mettete in frigorifero e al momento di servire aggiungete dell'acqua tonica. Aggiustate il sapore a vostro piacimento e decorate con una fettina di limone.
 
 
Auguri!!!
Lucia, event planner di professione: adoro il bello, l'eleganza, il buon gusto e organizzo in maniera impeccabile i vostri piccoli e grandi eventi.

Ti potrebbe interessare

Festa!

Primavera: idee per compleanni e feste!

 

Una sfera di sole, il cielo azzurro, il silenzio del mattino rotto dai primi cinguettii degli uccellini. E’ il segno che qualcosa fuori sta cambiando. La temperatura è ancora fresca ma il sole e le giornate che si sono allungate ci fanno capire che l’inverno piano piano sta lasciando spazio ad una stagione più tenera e colorata, La primavera.

Anche i bambini guardano fuori della finestra e vorrebbero essere liberi di uscire a giocare ma non sempre fa abbastanza caldo per accontentarli.

 

E allora perchè non portiamo la primavera in casa allestendo un bel pic-nic?

E’ necessario cambiare un po’ aspetto al vostro soggiorno ma l’effetto finale è strepitoso.

Questo allestimento è perfetto per un compleanno, come momento per festeggiare le vacanze pasquali o anche se avete voglia di invitare qualche compagno dei vostri figli e fargli passare qualche ora in un mondo da sogno, a metà tra la realtà e la fantasia!

 

Occorrente: Tappeto erboso (disponibile già tagliato nei negozi dl fai da te), qualche cassetta della frutta in legno, tovaglioli e tovaglie stile pic-nic, cuscini, cestini e tutto ciò che vi piace per allestire al meglio il vostro giardino casalingo.

 

 

Festa!

Carnevale: organizziamo la festa perfetta!

Il Carnevale è una delle feste preferite dai bambini…. E in questo periodo non c’è mamma che non sia impegnata a cercare una maschera e a pensare come organizzare un momento divertente per il proprio bambino...

 

Nel momento in cui decidete di organizzare la festa e per fare in modo che tutto vada per il meglio, armatevi di un foglio di carta e fissate i punti fondamentali.

A cosa dobbiamo pensare per non lasciare niente al caso?

 

Carnevale: dove festeggiare?

 

Se pensiamo ad una festa per bimbi piccoli si può pensare di farla in casa. Ma se i bambini sono molti e non avete tanto spazio a disposizione potete informarvi sui locali in affitto – oratorio, ludoteca ecc. nel vostro quartiere. Se decidete per casa vostra cercate di ottenere più spazio libero spostando qualche mobile in maniera che i bimbi si possano muovere senza rischi.

 

Carnevale: chi invitare?

 

Premesso che la variante è lo spazio a disposizione, se i bambini sono piuttosto piccoli (fascia scuola materna) consiglio di non superare la dozzina in maniera tale da poter organizzare giochi e attività adeguate all’età e in modo da poter gestire la situazione con una certa tranquillità.

 

Carnevale: come fare gli inviti?

 

Poiché parliamo di una festa di Carnevale per bambini potete prepararli con i vostri figli, utilizzando cartoncini colorati, coriandoli, mascherine ritagliate insieme su cui scrivere le informazioni principali. E’ una festa nella festa per i piccoli che si sentono direttamente coinvolti e saranno orgogliosi di poter dire “questo l’ho fatto io!!”

 

Carnevale: quali giochi organizzare?

 

Parola d’ordine divertimento! Preparate più di un gioco in modo da tenerli occupati. Una piccola sfilata in modo che ciascuno possa mostrare con orgoglio il proprio costume potrebbe essere un modo simpatico per iniziare … poi il ballo della sedia (più movimentato) e indovina chi? (più tranquillo), mascherine da colorare ..… giocate con la vostra fantasia!

 

Carnevale: cosa mangiare?

 

L’esperienza mi ha insegnato che i bambini alle feste mangiano poco e cose semplici. Questo significa che il buffet dovrà essere colorato ma non esagerate con dolci e tartine. Un piccolo maritozzo con la nutella, delle pizzette bianche e rosse, patatine, pop-corn, qualche muffin saranno sufficienti (a meno che non prevediate la presenza degli adulti – e allora il discorso cambia).

 

Non dimenticate di fare qualche foto… potrete stamparle e regalarle ai presenti come ricordo del tempo trascorso insieme.  

Festa!

Coroncine di Carnevale

 

Sta arrivando la magia del carnevale e i bimbi fremono al pensiero di poter tirare coriandoli, stelle filanti e mascherarsi  da principi, principesse, supereroi  etc. Per rendere ancora più preziose  le maschere  non possono mancare gli accessori ed oggi, realizzeremo la coroncina di Frozen!!!

 

Materiale per le coroncine di Carnevale

 

-          Fogli di eva foam  glitter  (è un materiale utilizzato per realizzare prodotti particolarmente elastici e lo possiamo trovare in cartoleria)

-          1 foglio bianco di carta comune

-          1 pennarello

-          1 matita

-          Forbici

-          Metro

-          Righello

-          Colla a caldo

-          Perforatrice

-          Varie pietre

-          Elastico (circa 20 cm)

 

Realizzazione Coroncine di Carnevale

 

Prendiamo il foglio bianco e con l’ aiuto del righello dividiamo il foglio a metà, lo pieghiamo e iniziamo a disegnare la forma della coroncina che più ci piace.

 

Ripassiamo i contorni e , sempre con il foglio piegato a metà, ritagliamo la sagoma con le forbici e, in questo modo avremo entrambe le parti perfettamente uguali.

 

Adagiamo il disegno sopra il foglio di eva foam dalla parte in cui non ci sono i brillantini, ripassiamo i contorni e  una volta pronto lo ritagliamo così avremo pronta la base della nostra coroncina.

 

Con la perforatrice ritagliamo dei fiocchi di neve di un’ altro colore e con la colla a caldo li posizioniamo sopra alla base e,  incolliamo anche le varie pietre.

 

Per rendere la coroncina traforata, con la perforatrice possiamo fare dei fiocchi vuoti e mettiamo da parte i  fiocchi pieni che avanzeranno.

 

Prendiamo l’elastico e con la cucitrice lo attacchiamo nella parte posteriore interna della coroncina, per rendere più resistente l’ attacco e per non far vedere i punti , possiamo utilizzare i fiocchi bianchi avanzati ed incollarli sopra.

Con il metro prendiamo la circonferenza della testa e portiamo a misura la nostra coroncina tagliando un centimetro in meno l’ elastico e andiamo a fissarlo come fatto precedentemente dall’ altra parte.

Ed eccoci pronti per indossare le nostre coroncine!

 

 

Festa!

C’era una volta San Valentino

 

Care mamme, vi ricordate quando si cominciava a pianificare un romantico San Valentino, si prenotava il ristorante preferito dell’altra metà o ci si arrovellava per far sì che diventasse la serata più frizzante dell’anno?

E voi, cari papà (e si, stavolta tocca pure a voi) … quando in vena di romanticismo almeno per un giorno, per fare bella figura con le vostre compagne preparavate con cura la festa degli innamorati correndo a comprare fiori e cioccolatini?

E anche voi che avete sempre guardato con diffidenza e superiorità il 14 febbraio sotto sotto vi sareste voluti lasciare andare…

La realtà delle nostre giornate con i figli è tremendamente cambiata e potremmo trovarci a dover andare a cena con pargoli al seguito, a cercare con il lumicino una baby sitter (è San Valentino anche per loro) o a metterci ai fornelli per una cena pseudoromantica a casa tra cartoni animati e la bella tavola messa sotto sopra dopo un attimo…

La mia proposta alternativa?

 

Il 14 mattina svegliatevi una mezz’ora prima e regalatevi la più dolce delle colazioni.

Potete organizzarla in due modi: sul divano con un bel vassoio con qualche dolcetto goloso, una spremuta fresca, dello yogurt servito con muesli e frutta fresca approfittando dell’ultimo sonno dei figli e prima di iniziare la normale maratona quotidiana, o sempre lo stesso vassoio ma portato in camera per un risveglio ancora più romantico.

L’importante è il pensiero, l’importante è riuscire a regalarsi un piccolo spazio che, nella maggior parte dei casi, è diventato un miraggio tra scuola, lavoro, compiti.

E, partendo dal 14 febbraio chissà che non diventi un momento da regalarsi più spesso!