5 torte bellissime con la pasta di zucchero

Vi ho già spiegato come realizzare la base di pan di spagna: e in attesa di scoprire come lavorare la pasta di zucchero, oggi vi mostro alcune delle torte realizzate da me. Magari possono essere lo spunto per accendere anche la vostra creatività!

 

1. Pasta di zucchero: Torta fatata
2. Pasta di zucchero: Torta Barbapapa

3. Pasta di zucchero: Torta Battesimo

 

4. Pasta di zucchero: Torta Palloncini

 

 

5. Pasta di zucchero: Torta Thun

 

Alessia, marchigiana, bis mamma, creativa con un recente passato da orafa: fai da te, punto croce, uncinetto e tombolo per me non hanno segreti!

Ti potrebbe interessare

Food Nutrizione

Pancia gonfia? Ecco come combatterla!

 

Mi definisco una “nutrizionista rompiscatole”. Sì perché dovete sapere che quando un mio paziente decide di iniziare la sua rieducazione alimentare con me io, tra un appuntamento e l’altro, mando continuamente messaggi per sapere come procede. Sempre più spesso mi capita di sentirmi rispondere che il dimagrimento procede ma che hanno la sensazione di <<pancia gonfia>>.

 

Ecco allora gli alimenti che consiglio di evitare per un certo periodo, per poi reintrodurli pian piano uno alla volta in modo da individuare quelli veramente responsabili:

 

Pancia gonfia cosa NON  mangiare

 

  • Legumi limitandone il loro uso a 1-2 volte a settimana.

  • Alcuni tipi di verdure (cavoli, broccoli, carote e funghi).

  • Tra la frutta evitare mele, pere, prugne, susine, albicocche, ciliegie, ananas, cocomero e pesche.

  • Latte e formaggi freschi e morbidi (come la ricotta).

  • Cibi con cotture pesanti come fritture.

  • Bibite gassate.

  • Alimenti lievitati (ad esempio il pane).

 

Pancia gonfia cosa mangiare

 

  • Verdure come lattuga, fagiolini, finocchi, carciofi, cetriolo, asparagi, zucca e peperoni, ma soprattutto il pomodoro.

  • Frutta come banana, pompelmo, kiwi, mirtillo, lampone e fragola.

  • Latte vegetale e formaggi stagionati.

  • Pasta e cereali integrali.

  • Pesce azzurro.

  • Zanzero.

  • Yogurt probiotico (ricco di fermenti lattici).

 

Si consiglia inoltre di evitare le grandi abbuffate frazionando la giornata in 5 pasti (3 principali e 2 spuntini) evitando di coricarsi subito dopo mangiato. Non parlare mentre si mangia, come ci dicevano i nostri genitori quando eravamo piccoli. Si a tisane depurative e thè verde.

Se dopo aver limitato o eliminato tali alimenti continuate a sentire questa sgradevole sensazione vi consiglio di consultare il vostro medico curante in quanto potrebbe essere causata da altre patologie come particolari intolleranze.

 

 

Food Nutrizione

Pronte per la prova costume? Vi aiuto io!

 

L’estate si avvicina e quei 2-4 Kili di troppo pesano come un macigno. Come fare per perderli in un mese ed essere pronti per la prova costume? Di seguito vi proporrò un esempio di dieta settimanale che vi permetterà di ritrovare la vostra forma in 30 giorni!

Quella che vi propongo io è una DIETA DISSOCIATA, basata sulla teoria di Hay secondo la quale i cibi si possono dividere in gruppi (acidi e basici) incompatibili tra loro essendo digeriti dal nostro organismo in tempi e modi diversi. E’ una dieta che tende a sgonfiare rapidamente e migliora notevolmente il processo digestivo diminuendone anche la durata. I principi base su cui questo tipo di alimentazione si basa possono essere riassunti così:

  • Non mangiare mai nello stesso pasto proteine e carboidrati.

  • Non mangiare mai nello stesso pasto proteine di tipo diverso. La stessa cosa vale per i carboidrati.

  • Le verdure possono essere mangiate in quantità illimitate, associate sia ai pasti proteici che ai carboidrati.

  • Mangiare frutta lontano dai pasti

  • Non bere acqua durante i pasti (smettere circa mezz’ora prima e ricominciare mezz’ora dopo).

Per quanto riguarda le dosi, queste non esistono, ed eccovi qua tutti ad esultare! Fate bene, ma attenzione! Questo “pregio” è un coltello a doppia lama. Possiamo sì abbandonare la noiosissima e tristissima bilancia da cucina, ma dobbiamo stare attenti a non esagerare. Mi spiego meglio: in questa tipologia di alimentazione non ci interessa che vengano mangiati 80gr di pasta o 150gr…., ma 500gr è troppo anche per Hay e la sua dieta dissociata! I consigli che posso darvi io in merito a questo argomento sono due: limitarsi con le proteine ma soprattutto con i carboidrati abbondando invece di verdure, smettere di mangiare appena ci sentiamo sazi non arrivando mai a sentirsi pieni.

Prima di proporvi un esempio settimanale vi consiglio qualche alimento amico:

 

  • Acqua, limone e zenzero al mattino appena svegli. Infinite le proprietà benefiche di questa bevanda, cito solo che attiva il metabolismo (zenzero) e detossifica l’organismo (limone)

  • Acqua: bere tanto, soprattutto in questi periodi caldi.

  • Tisane depurative.

  • Farina integrale.

  • Asparagi. Poverissimi di calorie ma ricchi di sostanze con effetto diuretico che aiutano ad eliminare le tossine.

  • Spinaci, ricchissimi di fibre. Ottimi sia crudi che cotti.

  • Pomodori: accelerano il metabolismo.

  • Cetrioli: grazie alla grande quantità di acqua in essi presente, rappresentano degli ottimi idratanti ed aiutano a combattere la cellulite.

  • Papaya: migliora la digestione.

  • Ananas, famosissimo alimento brucia grassi.

  • Noci: aumentano la capacità del nostro organismo di bruciare i grassi.

 

Di seguito vi proporrò un esempio di menù settimanale in due forme: generale e dettagliato. Nel menù dettagliato mi piace inserire delle ricette dietetiche ma gustose (alcune delle quali sono consultabili sulla mia pagina facebook NutriEl. Preciso che non sono mie, ma frutto di una scrupolosa ricerca su internet), perché si capisca che la dieta non è sacrificio e tristezza, ma può essere piena di gusto e salute. Ai miei pazienti fornisco sempre entrambe le tipologie perché so che c’è chi preferisce sentirsi più libero nelle scelte, chi al contrario ha bisogno di essere seguito passo passo, chi inizialmente segue alla lettera il menù per poi imparare a gestirsi le combinazioni alimentari da solo. A mio avviso è importante che la nutrizionista riesca a capire chi ha davanti, il suo rapporto con il cibo e con il suo corpo. La relazione nutrizionista-cliente deve essere di reciproca comprensione e fiducia ed è importante cercare un punto di incontro (per esempio: tu rinunci a qualcosa, io ti aggiungo qualche soddisfazione!) Per questi motivi, soprattutto se il peso da perdere è considerevole, è sempre indicato rivolgersi ad uno specialista.

Ora l’attesa è finita: ecco qua l’esempio di un menù settimanale che vi permetterà di perdere in 30 giorni quei 2-4 Kili di troppo e sentirsi così perfette per la prova costume.

FORMA GENERALE DI DIETA

COLAZIONE:

Bicchiere acqua con limone (prima della colazione, a digiuno) oppure acqua con limone e zenzero

+

Caffelatte parzialmente scremato oppure the

+

2 fette biscottate e marmellata o miele oppure 1 fetta di pane integrale con marmellata o miele oppure yogurt greco con cereali oppure 5/6 biscotti secchi

 

N.B. Per i “cereali da colazione” ci sono alcune caratteristiche su cui focalizzare l'attenzione: il contenuto calorico dev'essere inferiore alle 300 Kcal per 100 grammi, la presenza di fibra dovrebbe superare i 15 grammi su 100 e tra gli ingredienti non devono comparire diciture del tipo: "grassi vegetali idrogenati" e/o "oli tropicali" e/o la sigla E seguita da un numero che indica l'impiego di additivi alimentari.

 

SPUNTINO MATTUTINO E POMERIDIANO:

Frutta di stagione

oppure

Verdura cruda

oppure

Noci (30 gr)

oppure

Yogurt alla frutta o greco

oppure

Crackers senza sale (1 pacchetto)

oppure

2 fette di pane integrale con 15gr di affettato magro (1 volta a settimana)

oppure

Gelato (1 volta a settimana)

oppure

Pane integrale (1 fetta) con marmellata o miele

 

N.B. Si alla variabilità non solo nella settimana, ma soprattutto nella giornata. Non mangiare quindi due volte lo stesso spuntino. La frutta può essere sostituita con frullati (fatto con acqua o latte scremato), spremute o centrifugati.

 

PRANZO

LUNEDI

MARTEDI

MERCOLEDI

GIOVEDI

VENERDI

SABATO

DOMENICA

Pane

Carboidrati

-

Carboidrati

-

-

-

-

-

Carne bianca

-

Formaggio

Legumi

-

 

CENA

LUNEDI

MARTEDI

MERCOLEDI

GIOVEDI

VENERDI

SABATO

DOMENICA

 

-

 

-

Patate

-

Carboidrati

-

-

Carne rossa

Pesce

-

Uova

-

Pizza

Pesce

 

FORMA DETTAGLIATA DI DIETA

LUNEDI

 

COLAZIONE: Acqua e limone

Caffelatte parzialmente scremato + fette biscottate (2) con marmellata

 

SPUNTINO: Pesca

 

PRANZO: Friselle integrali (2) con pomodoro e basilico (no formaggio) condite con olio evo

Insalata

 

SPUNTINO: Verdura cruda

 

CENA: Vitellone alla pizzaiola

Fagiolini con semi di cumino e finocchio

Radicchio saltato in padella

 

MARTEDI

COLAZIONE: Acqua e limone

The verde con zucchero (1 cucchiaino)

5/6 biscotti secchi

 

SPUNTINO: Susine (2)

 

PRANZO: Orzo con zucchine e zafferano

 

SPUNTINO: Noci (30gr)

 

CENA: Minestrone di verdure (no legumi, no patate, no pasta)

Pesce al cartoccio

Peperonata light

 

MERCOLEDI

COLAZIONE: Acqua, limone e zenzero

Latte parzialmente scremato con cereali

 

SPUNTINO: Pane integrale (2 fette) con prosciutto crudo di parma (15gr)

 

PRANZO: Tacchino con zucchine

Finocchi saltati in padella

 

SPUNTINO: Noci (30gr)

 

CENA: Patate con fagiolini e carote

Spinaci saltati in padella

 

GIOVEDI

COLAZIONE: Acqua e limone e zenzero

Caffelatte parzialmente scremato+ pane integrale (1 fetta) con marmellata

 

SPUNTINO: Pesca

 

PRANZO: Pasta integrale con radicchio e pesto di noci

 

SPUNTINO: Crackers integrali (1 pacchetto)

 

CENA: Frittata

Asparagi cotti al vapore

Verdure cotte al forno (melanzane, zucchine, cipolla, peperoni....)

 

VENERDI

 

COLAZIONE: Acqua e limone

Caffè

yogurt greco con cereali

 

 

SPUNTINO: Mandorle (30gr)

 

PRANZO: Insalatona di verdure (pomodoro, cetriolo, finocchio, carote, cipolle….) condita con olio

evo (1 cucchiaio) + Mozzarella e Feta

 

 

SPUNTINO: Susine (2)

 

CENA: Risotto ai funghi

 

SABATO

 

COLAZIONE: Acqua, limone e zenzero

Caffèlatte parzialmente scremato con cereali

 

SPUNTINO: Yogurt alla frutta

 

PRANZO: Fagioli all’uccelletto

Taccole

Asparagi saltati in padella

 

SPUNTINO: Gelato

 

CENA: Pizza

 

DOMENICA

 

COLAZIONE: Acqua e limone

Yogurt greco con cereali

 

 

SPUNTINO: Noci (30gr)

 

PRANZO: Libero (non esagerare!!!)

 

 

SPUNTINO: Mela

 

CENA: Orata con zucchine allo zenzero

Spinaci saltati in padella

 

 

Food Nutrizione

Primavera - Estate: ecco la frutta di stagione!

 Con l'arrivo della Primavera e dell'estate, finalmente il nostro piatto si arricchisce di tutti i colori della frutta che queste stagioni ci offrono. E c'è da dire che è davvero tanta: non abbiamo che l'imbarazzo della scelta. Andiamo allora a scoprire cosa possiamo mangiare di buono e sano in questa stagione. 

Le Nespole e le Fragole

 

Come non amare invece quella estiva; tripudio di colori e sapori, dolcezza infinita, rinfrescante ma soprattutto varia. Ad esempio nespole e fragole hanno fatto il loro ingresso facendoci intuire già la ricchezza della scelta che ci attenderà tra poco. Entrambe sono ottime alleate nelle diete dimagranti e grandi fonti di vitamina C.

 

Le ciliege, i frutti rossi, le pesche

 

Maggio è terminato e sono già apparse le ciliegie (contengono pochissime calorie ma grandi quantità di vitamina A, C e B. Buona fonte di ferro, calcio, magnesio e potassio. Sono un frutto diuretico e leggermente lassativo per cui è vero che una ciliegia tira l’altra ma non esagerate!), frutti rossi e pesche. Quest’ultime le adoro tagliate a pezzetti in una tazza con poco zucchero e limone, escamotage del mio babbo per farmi mangiare la frutta quando ero piccola.

 

 

Albicocche, Meloni e Angurie

 

Ma è Giugno il mese della vera rinascita! Albicocche ricche di fibra, vitamine A e C, betacarotene che insieme al licopene aiuta a mantenere bassi i livelli di LDL, il colesterolo cattivo. Meloni e anguria…quanto cocomero ho mangiato durante la mia prima gravidanza!!!! Dolce e dissetante. Utile in casi di cistite, cellulite, pressione alta essendo povero di sodio ed in caso di emorroidi. Inoltre, non lo avreste mai detto, scatena il desiderio sessuale essendo ricco di amminoacidi che stimolano la vasodilatazione.

 

 

Fichi e Susine

Ci sono infine i fichi e le susine, ottime per marmellate fatte in casa per chi, come me, ha il piacere di avere l’albero di questi frutti in giardino. Gli amanti dell’uva dovranno aspettare agosto. Consiglio di mangiare l’acino intero in quanto la maggior parte delle sue proprietà benefiche risiedono nella buccia. Ho finito l’articolo, vado a mangiarmi due fragole! 

Food Nutrizione

Verdure: quali mangiare in estate e primavera?

Se questo periodo dell’anno rappresenta la “rinascita” della frutta, non lo è per la verdura, almeno a mio parere. Ci abbandonano infatti la zucca e i cavoli che io adoro in tutte le loro forme.

 

Spezzo però una lancia a favore della verdura estiva: la natura l’ha pensata e creata appositamente per questa stagione! Immaginate infatti come sarebbe la braciata in compagnia senza le verdure grigliate! Ecco perciò che da aprile-maggio tornano sui banchi dei fruttivendoli le melanzane, i peperoni e le zucchine.

 

Le prime ricchissime di minerali che tendono ad essere persi con la sudorazione, in particolare il potassio, ma anche fosforo e magnesio. Ritroviamo inoltre le vitamine A (potente antiossidante), C, B (coinvolte in tantissime attività tra cui la produzione di energia) e K.

 

Ricchissime di acqua aiutano in casi di ritenzione urinaria ed inoltre mantengono bassi i livelli di colesterolo cattivo. Per quanto adorabili, se non altro per il loro color viola intenso, contengono la solanina. Si consiglia quindi di mangiare le melanzane sempre cotte essendo che le alte temperature diminuiscono le concentrazioni di questa sostanza tossica. Attenzione anche a come si cucinano in quanto, essendo le melanzane spugnose, tendono ad assorbire tutto il condimento. Diciamo che la parmigiana sarebbe meglio farla con melanzane grigliate anziché fritte.

 

Ci sono poi i pomodori, ottimo vegetale per chi vuole seguire una dieta ipocalorica. Il pomodoro infatti ha una bassissima concentrazione di grassi. Inoltre il rapporto tra l’elevato contenuto di acqua e basso di zuccheri (fruttosio e glucosio) lo rende un fornitore di energia ad utilizzo immediato. Tra le verdure primaverili ricordiamo anche i fagiolini, le fave e il radicchio che non ci abbandona mai durante l’anno, per cui se vi mancheranno i risotti con la zucca potrete sempre sostituirli con risotti al radicchio.